palace1.jpgpalace2.jpg

Prima pagina


Raduno Regionale Speleologia - Villamassargia 2023

Dopo i cinque precedenti raduni dal 2005 (Cala Gonone 7-8 Maggio) al 2018 (Urzulei-15 Maggio) la Federazione Speleologica Sarda torna nel Sulcis Iglesiente proponendo la sesta edizione del raduno regionale di speleologia a Villamassargia 30 Settembre – 1° ottobre 2023.

I raduni si sono dimostrati un’eccellente occasione per incontrarsi, discutere di argomenti importanti quali la tutela degli ambienti carsici, le esplorazioni regionali ed extraeuropee, didattiche, ecc.

Le precedenti edizioni hanno avuto una numerosa partecipazione dei rappresentanti dei 30 gruppi speleologici facenti parte della Federazione Speleologica Sarda.

Le esplorazioni degli ultimi anni in ambito supramontano hanno messo in luce l’esistenza di complessi carsici di entità tale da avere risonanza internazionale; l’area del Flumineddu è oggi uno dei temi di ricerca più importanti dell’intera Europa; le esplorazioni nel settore della Codula Ilune hanno conseguito il congiungimento della Grotta del Bue Marino col complesso della Codula (Su Palu- Monte Longos), per qualche anno la grotta più lunga d’Italia con oltre 70 chilometri di sviluppo. In definitiva si può affermare che sarà la vetrina della vitalità della speleologia sarda.

Già nelle precedenti edizioni si era puntato molto sull’interazione della comunità speleo con le comunità ospitanti, questo aspetto intendiamo ampliarlo e farne il tema dominante dell’evento, in primo luogo contiamo di valorizzare le attività delle istituzioni locali, Municipalità in testa ed il loro fondamentale ruolo sulla promozione, conoscenza, salvaguardia e valorizzazione delle specificità carsiche ed il loro ruolo nella educazione ambientale.

Il Gruppo Grotte Nuorese parteciperà con una piccola esposizione dal titolo:
“La Topografia 3d”
La topografia del terzo millennio si sta sviluppano verso la rappresentazione tridimensionale, anche in campo speleologico si stanno sperimentando tecniche di rilevamento e restituzione 3d, nonostante i costi quasi proibitivi. La mostra con monitor e pannelli illustrano i risultati.