Riapre la sede


Più di un anno fa, nel luglio 2020, il Gruppo Grotte Nuorese ha dovuto abbandonare momentaneamente la storica sede di via Leonardo da Vinci.
L’edificio che ci ospita, l’Istituto Comprensivo Nuoro 1 "Ferdinando Podda",  è stato infatti oggetto di interventi per l’adeguamento alla normativa anti-sismica e dunque anche i nostri locali hanno subito un importante “maquillage” edilizio.



Leggi tutto: Riapre la sede

Su Bentu - Campo estivo 2020

Dopo alcuni anni dedicati ad altre esplorazioni, sei speleologi del GGN hanno effettuato il tradizionale campo estivo all'interno della grotta Su Ventu posizionando il campo base nella Galleria Nescafé chin..., posto a circa 3 chilometri dall'ingresso. I quattro giorni di permanenza sono stati dedicati alla documentazione fotografica di alcune zone particolarmente lontane e il più delle volte raggiungibili solo con la bella stagione (Pian della Tortilla, la Diramazione Fruncu Nieddu e Murguliai) e al riarmo e messa in sicurezza di alcuni passaggi in previsione di future esplorazioni. Il giorno 14 agosto tutti i componenti della spedizione erano fuori dalla grotta.
Di seguito alcune foto di Luigi Murgia.







Mussintommasu

Mussintommasu (Oliena)
Testo e foto Massimiliano Mele

Quando il sistema carsico è saturo, la montagna restituisce in superficie tutta l'acqua bevuta durante le pioggie.
Questo accade in diversi luoghi situati ai margini delle aree carsiche. 
Questo è accaduto oggi nella risorgiva di Mussintommasu, una sorgente di "troppo pieno" non nota a tanti, situata nel territorio di Oliena.

Raggiungerla quando è attiva non è del tutto semplice. 
Oggi, sotto la pioggia battente, in una spedizione "un pochino improvvisata", si può dire in abiti da ufficio, abbiamo deciso di andare a fargli visita.

Leggi tutto: Mussintommasu

Doloverre

di Giulia Delogu

La speleologia, come noi tutti sappiamo, è un'attività volta all'esplorazione, allo sudio e alla conoscenza del mondo sotterraneo.

Si, la speleologia è questo, ma non si risolve in questo, non per chi la pratica.
La speleologia è amore. E, se l'amore è dedizione, appassionata ed istintiva, verso un'altra persona, la speleologia è tutto questo, verso la grotta.
Ciò che muove l'animo dello speleologo è il desiderio di arrivare nell ventre della terra e scoprirne i suoi segreti. E scoprire quelli che, lui stesso, nasconde dentro di se.
Non è, quindi, solo un viaggio sotterraneo, ma è un viaggio dentro se stessi: la grotta è un mondo in cui tutte le maschere che portiamo nella vita quotidiana, cadono,inesorabilmente, facendoci fare i conti con chi siamo realmente.
Per questo, possiamo scoprire di più su una persona in una giornata in grotta, che in un anno di conoscenza.

Leggi tutto: Doloverre

Joomla templates by a4joomla